appartamento-gatteo

Appartamento Gatteo Mare

Affittasi grazioso appartamento sul lungomare di Gatteo a Mare, in posizione strategica, lo stabile si affaccia...

appartamenti gatteo mare

Appartamento Gatteo Mare

Affittasi grazioso appartamento sul lungomare di Gatteo a Mare, in posizione strategica, lo stabile si affaccia...

Descrizione e cenni sugli organismi marini Adriatici in area costiera


diatomeatriceratumDIATOMEE:

Alghe unicellulari, rappresentano una delle componenti più importanti della biomassa algale planctonica, specie nei mari più freddi. La maggior parte di esse conduce vita pelagica, ma esistono molte specie bentoniche, spesso epifite su organismi animali e vegetali. La cellula delle diamatomee ( delimitata da un involucro caratteristico, detto frustulo). Esso costituisce ura specie di scatola, formata da due parti distinte, ineguali, epiteca ed ipoteca ciascuna delle quali è costituita da altre due parti (una superiore ed inferiore), chiamate rispettivamente epivalva e ipovalva e da altre due parti laterali dette epipleura e ipopleura. La sostanza che compone l\'involucro è una pectina impregnata di sìlice. Vengono classificate in base alla struttura dei frustuli in: Diamotomee Concentriche o Pennate. (Strasburger E., 1995)

 

ANDAMENTI E DIFFUSIONE ALGALE DURANTE Il CORSO DELL'ANNO, CENNI:

Buona parte dell' area costiera dell'alto Adriatico nel periodo di fine inverno (gennaio ) sovente è interessato da elevati livelli di biomassa microalgale dovuti al bloom della Skeletonema Costatum con prevalenza del 95% sulle restanti Diatomee. Tale bloom dipenderebbe dai seguenti fattori: In questì periodi sono sufficienti apporti fluviali di modesta entità per veicolare in mare ingenti quantità di nutrienti. Il periodo di quiescenza dell'attività vegetativa sul territorio favorisce il rilascio dai terreni di nti carichi di azoto e di altri macro e micro nutrienti; Nel periodo precedente più freddo e con minore illumìnazione i nutrienti che giungono in mare dai fiumi e rilasciati dai sedimenti tendono ad accumularsi in quanto non assimilati dalla biomassa fitoplanctonica. Si creerebbe pertanto una importante riserva di nutrienti che può contribuire all'innesco di blooms non appena le condizioni climatiche determinano un sufficiente riscaldamento ed irraggiamento delle acque. Nei periodi estivi ed autunnali le concentrazioni si stabilizzano su valori bassi. Immagine di Skeletonema Costatum